VIA CRUCIS

Passione di Vetro e Oro

Dolore, sofferenza, passione, amore. La bellezza dell’amore più grande prende forma dalle mani di Marco Toso Borella attraverso una tecnica artistica originale e unica al mondo. L’immagine, scalfita dalla maestria dell’artista che interpreta un’antica tradizione di famiglia, emerge dall’unione tra la trasparente profondità del vetro e la luminosa eleganza della foglia d’oro, decorata con smalti colorati.

Il risultato è un’opera d’arte assoluta che innesta sull’antico uno sguardo del tutto contemporaneo sulla Passione di Cristo

La Via Crucis

Installata dal novembre 2016 nella Basilica dei Santi Maria e Donato di Murano, la Via Crucis di Vetro è un’opera unica al mondo, realizzata dall’artista muranese Marco Toso Borella e donata come omaggio inestimabile alla sua isola per essere esposta al pubblico gratuitamente.

L’opera si compone di 15 icone di vetro decorate a graffito su foglia d’oro e smalti raffiguranti le 14 stazioni tradizionali della Via Crucis più una quindicesima. Il percorso della Passione di Cristo, dalla condanna alla crocifissione alla sepoltura, si arricchisce così di un’ultima fase, la più importante del cristianesimo e della storia dell’umanità: la Resurrezione.

Le Icone

Ogni icona rappresenta una fermata della Via Crucis attraverso un linguaggio pittorico pienamente coerente con il contesto della Basilica e in particolare con l’arte bizantina rappresentata dalla Madonna orante che domina il catino dell’abside. L’artista sviluppa quello stesso linguaggio coniugandolo però con l’evoluzione artistica occidentale dei secoli successivi che ha permesso di far emergere anche nel divino i sentimenti umani.

Come in un intreccio indissolubile, in ogni icona sono inseriti dei continui rimandi allo spettacolare pavimento musivo medievale della Basilica: soggetti tratti dal mondo vegetale e animale, come i grifoni e i pavoni, oppure le allegorie come la scacchiera o la città di Gerusalemme, tutti elementi intrinsecamente legati al significato della stazione e all’interpretazione della scena ritratta nell’icona.